L’ONU inserisce sostenibilità e impatto ambientale tra i parametri del PIL

Marzo 24, 2021
https://www.tifq.it/wp-content/uploads/2021/03/9_Sostenibilita-e-PIL-300x225-GxTBF8.jpeg

Dare il via a una nuova concezione di ricchezza globale in cui il benessere non sia più misurato unicamente servendosi dei paramenti del PIL (Prodotto Interno Lordo), ma allargando la rivelazione anche ai temi ambientali, affinché la sostenibilità diventi un punto strategico nelle scelte politiche dei governi.

È questo l’obiettivo dell’ONU che, a cinquant’anni dal famoso discorso di Robert F. Kennedy sul PIL, ha adottato il sistema di contabilità economico-ambientale SEEA EA (System of Environmental-Economic Accounting – Ecosystem Accounting). Si tratta di un nuovo indicatore che includerà i dati ambientali accanto a quelli economici, la sostenibilità accanto alla produzione.

Della necessità di un “nuovo PIL” si discute già da moltissimi anni tra addetti ai lavori. Attraverso questa scelta le Nazioni Uniti sottolineano l’importanza di avere “un impatto significativo sugli sforzi per affrontare le emergenze ambientali come il cambiamento climatico e il declino della biodiversità”. Il sistema di rivelazione SEEA EA, infatti, va oltre la statistica comunemente utilizzata del PIL e garantisce che il capitale naturale come foreste, oceani e altri ecosistemi, sia preso in considerazione nei rapporti economici dei Paesi.

[Fonte REPUBBLICA.IT e ONUITALIA.COM]
16 marzo 2021

Sede
SOLUZIONI E SUPPORTO TECNICO PER LA CRESCITA DEL VALORE IMPRENDITORIALE DELLE IMPRESE.