Posticipato di un anno l’obbligo del marchio UKCA per export verso la Gran Bretagna

Agosto 26, 2021
https://www.tifq.it/wp-content/uploads/2021/08/Brexit-CE-300x225-06WWkM.jpeg

Il governo britannico ha posticipato al 1° gennaio 2023 – invece del 1° gennaio 2022 – la data che renderà obbligatorio il nuovo marchio di conformità UKCA per immettere sui mercati della Gran Bretagna (Inghilterra, Scozia e Galles) un’ampia gamma di prodotti che, ad oggi, portano la marcatura CE.

Il rinvio della norma post-Brexit è dettato dalla necessità di andare incontro alle imprese oltremanica che già lottano con l’impatto della pandemia e con l’uscita del paese dalla UE.

Anche le aziende italiane avranno dunque un anno di tempo in più per prepararsi a usare la marcatura UKCA e adeguarsi alla nuova normativa. Fino al 1° gennaio 2023 potranno continuare a vendere sul mercato britannico le merci marcate CE.

UKCA (UK Conformity Assessment) è il nuovo marchio del Regno Unito che sostituisce, a seguito della Brexit, la marcatura CE per i prodotti immessi sul mercato britannico. Fa eccezione la sola Irlanda del Nord che richiede la marcatura CE o UK (NI). Entrato in vigore il 1 gennaio 2021, ma obbligatorio con quest’ultimo aggiornamento dal 1° gennaio 2023, il marchio UKCA può essere già da adesso utilizzato dalle aziende per dimostrare la propria conformità alla legislazione di prodotto del Regno Unito. Per l’apposizione del marchio UKCA valgono sostanzialmente le stesse regole applicate per il CE europeo passando, ove necessario, attraverso la certificazione degli “Approved Body”.

L’elenco completo di tutti i settori interessati alla marcatura UKCA è disponibile qui.

Per consentire ai propri clienti – e non solo – di ottenere la marcatura UKCA per i prodotti che ricadono nell’ambito di applicazione della Direttiva PED – equipaggiamenti in pressione, della Direttiva ATEX 2014/34/UEapparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva e del Regolamento EU CPR 305/2011 – prodotti da costruzione, ICIM SpA, ente di certificazione a maggioranza ANIMA Confindustria, ha siglato accordi di collaborazione con diversi “Approved Body”, organismi riconosciuti da UKAS, l’ente di accreditamento UK, e approvati dal governo britannico.

Grazie a queste partnership, i clienti ICIM SpA possono ottenere la marcatura CE per i propri prodotti rilasciata da ICIM e avendo come unico interlocutore diretto il proprio referente di ICIM in Italia, la marcatura UKCA rilasciata da un ente “Approved Body”.

26 agosto 2021

Sede
SOLUZIONI E SUPPORTO TECNICO PER LA CRESCITA DEL VALORE IMPRENDITORIALE DELLE IMPRESE.

Capitale Sociale € 10.000,00 interamente versato – C.F./P.IVA e Iscriz. Reg. Imprese n. 04725630968 – R.E.A. n. MI-1767708

Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di ICIM GROUP.